Pressostati differenziali a membrana modello 3.29 | ETI
Pressostati differenziali a membrana 3.29

3.29

Pressostati differenziali a membrana

Pressostati costruiti in esecuzione stagna IP 65.
Sono adatti per svariati impieghi nell’industria chimica, petrolchimica, centrali convenzionali, dove sia necessario rilevare differenze di pressioni, livelli e portate.

L'elemento sensibile è costituito da una membrana con doppio soffietto che per mezzo di un perno snodato autocentrante va ad intervenire direttamente sul microinterruttore

  • Tipologia: Pressostati differenziali
  • Funzione: Contatto elettrico
  • Materiali: Tutto inox
  • Attacco al processo: Filettato
  • Campo di calibrazione: 0...250 / 0...600bar
  • Elemento sensibile: Membrana
  • Grado di protezione: IP 65
  • Intervento elettrico: Microinterruttore SPDT, uno o due interventi
  • Materiale attacco al processo: Hastelloy C276, Monel 400, Alloy 600
  • Materiale elemento sensibile: Hastelloy C276, Monel 400, Alloy 600
  • Chimico
  • Petrolchimico
  • Energia
  • Oil & Gas
  • Engineering Procurement Construction (EPC)
  • Fluidi cristallizzabili, viscosi e sedimentosi
  • Conformità EAC
TORNA SU